Scollegarsi per Connettersi: Daniel Goleman & Joshua Freedman su FOCUS, Parte III

Due dei massimi esperti mondiali di intelligenza emotiva discutono dell’importanza di scollegarsi dalla tecnologia per concentrarsi sulla creazione di momenti di connessione.

Questo è il terzo capitolo di una serie di interviste a Daniel Goleman sul suo libro FOCUS: The Hidden Driver of Excellence.

Nel caos della vita contemporanea, come mantenere la connessione con sé stessi e gli altri?  

Basta “staccare la spina” una volta ogni tanto?  Stiamo costruendo un “nuovo normale” – quali sono le capacità interne e relazionali necessarie per prosperare in questi tempi di disconnessione e connessione?

Daniel Goleman e Joshua Freedman continuano a discutere del libro di Dan, FOCUS: The Hidden Driver of Excellence in questo dialogo continuo. Siete invitati a partecipare condividendo le vostre domande e i vostri pensieri nei commenti.

Nel paragrafo precedente di questa conversazione, Dan & Josh hanno discusso del sovraccarico della vita contemporanea e dell’urgente necessità di avere le competenze per tornare a concentrarsi. Nel segmento di oggi invece, si concentrano sul tessuto sociale e sul ruolo svolto dalla natura per il mantenimento di una funzione ottimale.

Con l’allontanamento delle società umane dal mondo naturale, con l’aumento della virtualizzazione delle relazioni, stiamo forse creando una ricetta per raggiungere l’eccellenza?

 

Skype e il Cervello Sociale

Josh:        In Social Intelligence, racconti che il cervello sociale non viene effettivamente attivato quando comunichiamo per via elettronica.  Di recente mi sono imbattuto in un articolo che ho scritto nel 2007 sulla sfida emotiva della crescente disconnessione degli adolescenti, intitolato “Alone in the Parade“, e da allora il problema si è drammaticamente aggravato.  Anche in questa conversazione, la mia impressione è che i nostri cervelli sociali siano attivati solo in parte.

Dan:      Il cervello sociale, il nuovo circuito appena scoperto che permette ai cervelli di sintonizzarsi e di risuonare l’uno con l’altro durante un’interazione faccia a faccia – è quello per cui siamo stati progettati.  In quel momento abbiamo un rapporto completo. È allora che ci colleghiamo davvero. E i media elettronici – persino una chiamata su Skype, una videochiamata, non ci danno la stessa ricchezza che si ottiene faccia a faccia. Non si ricevono tutti questi segnali.
Una telefonata ti dà solo la voce, quindi ci sono meno dati, meno attivazione cerebrale sociale. E la cosa peggiore è l’e-mail, in cui si ottiene una riduzione dei segnali non verbali che danno sfumature e contesto all’interazione. Si ottengono così solo le parole, che sono, in un certo senso, la parte più piccola della comunicazione umana.

Coping in an Un-Natural World

Josh:        Allora, tornando alla natura – ricordo di aver letto L’ultimo bambino nel bosco – il libro di Richard Louv del 2005.  Parlava del disturbo da deficit della natura. Ne hai sentito parlare? 

Dan:      Sì. Il mondo elettronico e digitale in cui ci troviamo oggi è una sorta di vita cauterizzata. In questo ambiente, abbiamo più che mai bisogno della natura. Abbiamo bisogno di quei due mesi fuori dalla rete che tuo figlio ha avuto. Lo trovo meraviglioso.

Josh:       Louv evidenza il legame che esiste oggi tra individui così giovani e adulti, di cui nessuno però si avvicina alla natura. Forse siamo collegati per essere connessi con il mondo naturale… e quando ci disconnettiamo dalla natura, in qualche modo ci disconnettiamo dal nostro senso di equilibrio. A nostra volta, non siamo nemmeno connessi con le persone che ci circondano, e questo ci rende più vulnerabili.

Dan:        Sono totalmente d’accordo. Non aggiungo altro.

Josh:      Quindi, tornando al punto di prima: dal momento che viviamo in questi tempi inondati di tecnologia, diventa ancora più importante conoscere il nostro focus. Potremmo andare fuori e passare il tempo a mettere le mani nella terra, ma in alcuni posti del mondo è piuttosto difficile. Quindi eccoci qui, in questo ambiente per il quale non siamo realmente predisposti – per questo siamo soli, siamo al riparo dal sole…

Dan:        Fuori dalla natura…

Josh:      Fuori dalla connessione umana. E siamo così sovraccarichi, bombardati di dati che per far fronte in modo efficace a questo, dobbiamo sviluppare in modo chiaro e attento le competenze per l’ambiente che abbiamo creato.

Dan:        Penso che FOCUS e il pensare al mettere a fuoco arrivi proprio nel momento giusto. Un altro esempio: è diventato insidioso il modo in cui la nostra tecnologia elettronica ostacola la comunicazione faccia a faccia.  L’altro giorno ho visto una bambina, tra le braccia della madre, che cercava disperatamente di attirare la sua attenzione.  La mamma stava messaggiando con qualcuno, ignorando la bambina. Coppie in un ristorante romantico – entrambi guardano i loro tablet o i loro telefoni. Le famiglie – lo stesso. Tutti guardano uno schermo e non l’altro. E siccome questa è diventata la nuova normalità, dobbiamo fare qualcosa di attivo. Dobbiamo essere sicuri di vivere regolarmente la natura, di vivere pienamente l’esperienza dell’altro, di allontanarci dal fascino di Facebook, di Twitter, di qualsiasi cosa sia, e di fare quello che scegliamo di fare, che ci arricchisce. E potrebbe essere il fatto di portare a termine il nostro lavoro. Potrebbe essere uscire con qualcuno che si ama. 

Josh:      E nutrire il nostro stato emotivo è davvero importante. Voglio che la gente capisca che non è solo un “nice to have” il sostegno emotivo.

Creare Momenti di Connessione

Dan:         Sono d’accordo, è una necessità – in particolare, per esempio, nelle coppie. Conosco una dirigente – un lavoro di alto livello di New York, che mi ha detto: “Quando io e mio marito torniamo a casa, mettiamo i nostri telefoni in un cassetto e li portiamo fuori solo dopo cena, perché vogliamo passare del tempo insieme”. Credo che oggi si debba essere più intenzionali su questo genere di azioni.

Josh:      Ho notato un giorno che ero così preso dal computer che non prestavo attenzione quando mia moglie entrava in ufficio. Conoscete Anabel Jensen, la presidente di Six Seconds. Una volta io e Anabel ne stavamo parlando e lei mi ha suggerito: “Come esperimento, quando arriva Patty, perché non provi ad alzarti per un minuto dalla scrivania?”

Dan:      È un’ottima idea. Mi ricorda un articolo apparso sulla Harvard Business Review qualche tempo fa, intitolato “The Human Moment”. Questo dice: “Se vuoi avere un momento in cui ti connetti veramente, che sono i momenti più efficaci per i leader, devi allontanarti dallo schermo, ignorare i tuoi dispositivi digitali, sospendere il tuo sogno ad occhi aperti o dovunque fosse la tua mente, e prestare la massima attenzione alla persona con cui stai”. Questo è il primo passo nel rapporto.

Quello che Anabel ti ha suggerito è un consiglio molto saggio. Ma c’è un’altra cosa. Mia moglie ed io abbiamo raggiunto un accordo implicito sul fatto che quando uno di noi manderà un’email o guarderà Facebook, e l’altro invece no, diremo all’altro cosa stiamo facendo. Avremo un’attenzione reciproca comune, il che è un miglioramento rispetto al venire semplicemente ignorati.

Josh:      Giusto. Quindi, anche se non siete completamente impegnati l’uno con l’altro, vi state impegnando a connettervi almeno un po’. 

Lo trovo impegnativo perché sono una persona piuttosto orientata al lavoro, che ha una lunga lista di cose da fare. Anche se posso accorgermi quando uno dei miei dipendenti o un membro della mia famiglia vuole attenzione – ci vuole una volontà attiva. Ci vuole uno sforzo per smettere di concentrarsi sui compiti e passare al contatto con le persone.

Dan:        Esatto.

Josh:      Sfortunatamente, ho sperimentato che è fin troppo facile dimenticare l’importanza dell’interazione umana.

Dan:       Per questo dobbiamo fare uno sforzo per ricordare a noi stessi che è importante. Se diciamo a noi stessi: “Oh, che rottura”, le persone diventano un fastidio piuttosto che il senso di tutto questo.

Josh:      E il lavoro di un leader riguarda le persone, non il compito.  E ce lo dimentichiamo.

Dan:       La leadership è connettersi alle persone, assolutamente.

Sviluppare le Competenze per Connettersi

Josh:        Un altro argomento legato al tuo libro e al lavoro che stiamo facendo tutti:  se riusciamo a migliorare queste capacità, diventa più facile. 

Ho constatato che quando le persone hanno più capacità di intelligenza emotiva, è più facile per loro fare scelte più attente. Hai detto che dobbiamo dare priorità alle persone nella nostra vita. Ma dobbiamo anche avere la capacità di farlo. Se non siamo bravi a farlo, è più difficile farlo davvero. È più difficile spostare l’attenzione, è più difficile ascoltare, è più difficile connettersi, è più difficile notare i propri pensieri e i propri sentimenti.  Ma se si migliorano le capacità di base, tutte queste cose richiedono meno sforzo.

Dan:      Questo ha a che fare con la scienza del cambiamento delle abitudini, in particolare con il cambiamento delle abitudini emotive – e poi con un cambiamento personale delle abitudini.  Mia moglie ha appena scritto un ottimo libro su questo tema, intitolato Mind Whispering.

Josh:      Ottimo titolo.

Dan:       Lo consiglio. Quello che sottolinea è che quando prendiamo l’abitudine, per esempio, di essere incollati ai nostri dispositivi o al nostro lavoro e di ignorare le persone, questo diventa un’azione predefinita nel cervello.

Josh:      Giusto. Facciamo una “nuova normalità”.

Dan:      Esatto. E per cambiare un’abitudine come questa, all’inizio ci vuole uno sforzo enorme, e in realtà sembra innaturale. In realtà non mi sembra la cosa giusta da fare. Quindi bisogna fare un accordo con sè stessi, un contratto, a cui bisogna tener fede. Più lo ripeti, più facile diventa.

L’esempio che hai dato prima è un grande contratto da avere con sé stessi: “Quando qualcuno entra nella stanza, mi allontano dal computer e gli presto attenzione”.  Se fai questo patto con te stesso, e lo fai naturalmente in ogni occasione, all’inizio ti sembrerà: “Oh mio Dio, perché mi danno fastidio?” E poi diventerà più facile.  E alla fine diventerà la cosa più naturale che si fa nella vita. È un punto di riferimento neurale. Significa che hai sperimentato la nuova abitudine quanto basta per far sì che le connessioni nel cervello siano più forti per la nuova abitudine rispetto alla vecchia abitudine. Quindi ci vuole pratica, ma ne vale certamente la pena. 

Josh:        Dovremmo parlare di più di questo processo, ma forse dovremmo conservarlo per la nostra prossima conversazione!  Ora vado a dare un’occhiata al libro di Tara – ho trovato il suo precedente libro sull’Alchimia Emotiva incredibilmente prezioso – in effetti, ne stavo parlando proprio la scorsa settimana in un corso.  Quindi – più letture!  

Dan:        Eccellente.  Non vedo l’ora che arrivi la prossima conversazione!