Leadership

I grandi leader creano un contenitore, un contesto , un parco dove le proprie persone puntano in alto e scavano a fondo. Instaurano una connessione con le proprie persone con autenticità e passione, creano fiducia e motivazione.

Tutto questo richiede un ricco bagaglio di informazioni riguardo cosa motiva le persone (e loro stessi) e un affidabile set di strumenti in modo da creare le giuste condizioni emozionali per la performance.

breakthrough leadership with emotional intelligence

“Tutti sanno” che la leadership è influenza, che richiede la costruzione di relazioni.
“Tutti sanno” che portare le persone a bordo della vision è fondamentale.
“Tutti sanno” che i feedback sono inestimabili. Quindi, perchè queste cose non vengono fatte da tutti?

Non è sufficiente saperlo. Dobbiamo coinvolgere il lato emozionale del nostro cervello, e combinarlo con il lato razionale. Ci sono migliaia di programmi sulla leadership focalizzati sul comportamento esteriore dei leader. Utilizzare l’intelligenza emotiva significa porre l’attenzione sull’interno — le capacità fondamentali che permettono alle persone di costruire un clima ed una cultura che supportino una leadership efficace.

 

Articoli recenti sulla Leadership:

I LEADER DI DOMANI SONO GIA’ QUI – INTERVISTA a Mariella Bisaccia di Generationmover

By: Responsabilità Sociale on 14 ottobre 2013 | 0 comments
Ciao Mariella, di cosa vi occupate in Generationmover? Ci occupiamo di Progetti interfunzionali, innovazione di processi per ‘contaminazione’, reverse mentorship, e chi più ne ha più ne metta: c’è una rivoluzione non dichiarata in atto nel mondo organizzativo, che vede protagonisti i giovani della generazione Y, quelli nati nei primi anni ’80. Il loro potenziale come agenti di cambiamento  viene  messo a frutto indipendentemente da ruolo, posizione gerarchica e continuità contrattuale, così che si trovano a gestire, su obiettivi mirati,…

Intelligenza Emotiva e ROI della formazione

By: Lorenzo Fariselli on 9 settembre 2010 | 0 comments
Spesso si è discusso del così detto ROI DELLA FORMAZIONE ovvero la possibilità di poter valutare quali miglioramenti si siano ottenuti a fronte dell'investimento economico che l'azienda o il singolo hanno stanziato per il proprio percorso di sviluppo. Six Seconds è fortemente convinta che si possa valutare questo valore e, questa convinzione, nasce dal  presupposto di base secondo cui misurare le competenze e la performance dell'Intelligenza Emotiva è possibile  quindi è possibile anche rendere conto dei miglioramenti ottenuti. Per questo…

Intelligenza Emotiva e Performance

By: Lorenzo Fariselli on 9 settembre 2010 | 0 comments
WHITE PAPER: INTELLIGENZA EMOTIVA E PERFORMANCE Joshua Freedman, Massimiliano Ghini e Carina Fiedeldey-Van Dijk Una ricerca condotta dall’ Istituto per la Performance Organizzativa di Six Seconds mostra che il 54% dei fattori critici di successo sono predetti dai punteggi del test di Intelligenza Emotiva di Six Seconds (SEI). Questo “white paper” spiega il potere e l'importanza di tale affermazione Daniel Goleman, nel suo famoso best-seller del 1995, Emotional Intelligence, afferma che le misure convenzionali relative all’intelligenza – IQ – spiegano…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: