QI vs QE: Perché quello che misuriamo conta

Sia il progresso che i problemi che definiscono l’Era Digitale sono la logica conclusione di 100 anni dedicati all’intelligenza cognitiva (QI). Cosa emergerebbe da 100 anni dedicati all’intelligenza emotiva (QE)?

Quante ore hai passato ad imparare la matematica e le scienze nella tua vita? Pensa alla scuola materna fino al liceo o all’università. Centinaia, probabilmente migliaia? Anche decine di migliaia? E quante ore hai passato a studiare le emozioni? Come funzionano nel nostro cervello e nel nostro corpo? Come riconoscerle, etichettarle e trasformarle in te stesso e negli altri? Per la maggior parte delle persone nel mondo, la risposta è quasi nessuna.

Considerando questo, è forse sorprendente dove ci troviamo in questa fase della storia, mentre entriamo nella 4° Rivoluzione Industriale? Abbiamo smartphone, micro-bot che eseguono interventi di cardiochirurgia e auto che frenano da sole per evitare incidenti. Ma allo stesso tempo siamo più soli, più frustrati e più disconnessi che mai. Non è che il nostro sistema educativo abbia fallito. Ha avuto un successo spettacolare, almeno nel complesso, nel migliorare ciò che valorizza, misura e insegna. Guardiamo al drammatico aumento dell’intelligenza cognitiva negli ultimi 100 anni e alla rivoluzione digitale che ha alimentato, e poi pensiamo: Cosa accadrebbe se adottassimo un approccio diverso e più equilibrato per i prossimi 100 anni? Come sarebbe se investissimo nell’intelligenza emotiva le stesse risorse che investiamo nell’intelligenza cognitiva? O anche solo il 10% in più di quanto facciamo ora?

Il QI come misura definitiva del successo

Il QI, la misura più comune dell’intelligenza cognitiva, è diventato lo standard di base nella società occidentale di quanto una persona sia intelligente e di quanto possa avere successo. Per certi versi, è diventata una sorta di ossessione culturale. Abbiamo iniziato a testare il QI in età sempre più precoce e a produrre letteralmente migliaia di prodotti che promettono di rendere il nostro bambino il prossimo Einstein. E per l’importanza che gli diamo, i programmi scolastici hanno naturalmente gravitato verso la priorità di queste competenze. Il risultato? Il QI è aumentato costantemente nell’ultimo secolo. Dai un’occhiata a questo grafico:

 

 

 

Cosa misura un test del QI? Elaborazione verbale, capacità di ragionamento logico, capacità di risolvere problemi matematici e memoria di lavoro, tra le altre cose. Ma, come hanno riconosciuto anche i fondatori del test, ha molti limiti. In un test basato su compiti come questo, si possono misurare solo i compiti che si possono far svolgere alla gente proprio lì nella sala del test. Questo esclude naturalmente molti tipi di intelligenza, soprattutto quelle di natura sociale o emotiva. Risolvere i problemi emotivi è un tipo di intelligenza che usiamo letteralmente sempre, ma poiché si verifica in paesaggi con variabili in continuo cambiamento e mancanza di risposte chiare e corrette, non è così facile da misurare come l’intelligenza cognitiva. Quindi, per la maggior parte, non ci proviamo.

Ma la realtà, naturalmente, è che la vita è incasinata. Si verifica in questi paesaggi in continua evoluzione. Gli esseri umani sono creature sociali, spinti dall’emozione. Un alto quoziente intellettivo non è garanzia di successo. Molti geni fanno fatica a soddisfare anche i loro bisogni primari. Non è che l’intelligenza cognitiva non sia importante. Ma è ben lontana dall’essere l’unica, o addirittura la migliore, misura del successo.

Lo Studio: QE e successo

Daniel Goleman, allora editorialista del New York Times, è stato il primo ad esprimere un’idea contraria al QI come la misura definitiva del successo, nel suo libro bestseller: Emotional Intelligence: Why It Matters More Than IQ. Nel suo libro, basato sulle ricerche di Peter Salovey e John Mayer, sostiene che il QI rappresenta solo il 20% del successo di una persona nella vita. E da quando ha pubblicato quella ricerca, un numero crescente di prove ha confermato la sua ipotesi. L’EQ è due volte più predittivo delle prestazioni rispetto al QI. Dai un’occhiata a questo grafico dell’EQ e del successo nella vita, che proviene da un ampio campione, randomizzato e globale di oltre 75.000 individui.

Cosa noti? Noi notiamo gli spazi bianchi in alto a sinistra e in basso a destra. Questi spazi indicano che non c’è quasi nessun individuo che abbia un punteggio basso nell’EQ e alto nel Successo – o viceversa. È probabile che le persone con un’elevata intelligenza emotiva si comportino bene, siano efficaci sul lavoro, abbiano relazioni forti, buona salute e un’alta qualità di vita. E le persone con una bassa intelligenza emotiva? È molto più probabile che soffrano, che siano in cattive condizioni di salute e che non siano soddisfatti delle loro relazioni sociali. 

E cosa misura l’EQ? La capacità di identificare le proprie e altrui emozioni e di riconoscere i propri pattern. L’abilità di vedere e pesare le decisioni, e di connettersi con se stessi e con gli altri. Questo studio ha utilizzato il Six Seconds Emotional Intelligence Assessment (SEI), un valido test psicometrico che è stato utilizzato in più di 150 paesi.

Questo significa che dovremmo abbandonare i test del QI a favore dei test di QE?

QI o EQ? È la domanda sbagliata

Sia chiaro: non stiamo dicendo che l’intelligenza cognitiva non sia importante. È importante, e ha portato a incredibili progressi per la civiltà umana. Ma si ottiene ciò che si misura, e in questo momento ci stiamo concentrando solo su una metà, o meno, dell’equazione. E i nostri problemi più urgenti in questo momento non sono dovuti ad armi che non sono abbastanza potenti o a computer che non sono abbastanza intelligenti. I nostri problemi più grandi sono emotivi, relazionali. Investire in una parte non significa abbandonare l’altra. Infatti, un numero sempre maggiore di ricerche ha scoperto che l’apprendimento sociale ed emotivo permette e migliora l’apprendimento cognitivo. Questa non è una situazione o l’una o l’altra. È riconoscere che questi due tipi di intelligenza devono lavorare insieme.

Quindi cosa succederebbe se decidessimo di concentrarci un po’ di più sull’EQ nei prossimi 100 anni, oltre che sull’IQ?

Dove vogliamo essere tra 100 anni?

O se questo sembra troppo lontano, cosa succederà tra 10, 15 o 20 anni? Vogliamo che più persone che mai segnalino di sentirsi disconnesse, perse e sole? La maggior parte di noi direbbe di no. Allora la domanda successiva è: cosa dobbiamo valutare, dare priorità, misurare e insegnare per arrivare dove vogliamo andare? Di quali capacità interne abbiamo bisogno per sviluppare – e insegnare alla prossima generazione – in modo che sentano un senso di scopo, di appartenenza e di speranza? Le capacità di intelligenza emotiva sarebbero utili? Secondo un crescente corpo di ricerca, la risposta è sì. Cosa ne pensi?